Articoli

ICD-11: finalmente pubblicato dopo più di 10 anni di lavoro

ICD-11 (International Classification of Diseases) è stato pubblicato sul sito web dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)

La nuova edizione, per la prima volta in formato completamente elettronico, contiene 55.000 codici rispetto ai 14.400 della versione precedente. Sarà presentata durante l’Assemblea Mondiale della Sanità nel maggio 2019 ed entrerà in vigore nel gennaio 2022, lasciando quindi il tempo ai paesi di organizzarsi su come utilizzare la nuova versione, preparare traduzioni e formare gli operatori sanitari.

La nuova ICD riflette i progressi nel campo della medicina e nella comprensione scientifica delle malattie. Proprio per questo include diversi nuovi capitoli, tra cui uno sulla medicina tradizionale, che non è mai stata classificata prima in questo sistema. Una delle principali revisioni della nuova edizione riguarda l’incongruenza di genere, che viene tolta dal capitolo sulla salute mentale per essere posizionata proprio in uno dei nuovi capitoli, quello dedicato alla salute sessuale.

Un altro cambiamento notevole è l’aggiunta del disturbo da gioco alla sezione dei disturbi da dipendenza. «Il disturbo da gioco è caratterizzato da un controllo alterato sul gioco digitale o sul videogioco, e da una maggiore priorità attribuita al gioco rispetto ad altre attività abituali, come dormire, mangiare, fare i compiti, o lavorare che porta a gravi conseguenze negative per la salute personale e per il funzionamento globale» spiega Shekhar Saxena, del Dipartimento di salute mentale e abuso di sostanze dell’OMS. «Questo comportamento dovrebbe durare 12 mesi prima di essere caratterizzato come disturbo da gioco. Anche se, in realtà, solo una piccola minoranza di persone che si dedicano ai giochi può avere un problema di questo tipo, i paesi e gli operatori devono essere consapevoli della sua esistenza e cercare questi casi e fornire prevenzione e trattamento» continua Saxena.

Secondo gli autori della revisione, a livello globale la maggioranza delle persone che soffrono di disturbi di salute mentale non riceve alcun trattamento e ICD-11 potrà servire per dare nuova energia e nuovo entusiasmo al personale sanitario con possibilità di migliori diagnosi e trattamento.

 

Tags
Show More

Related Articles

Translate »
Close