Aree di Intervento

Adozioni: come adottare un bambino

Adozioni: come costruire una famiglia

Adozione

Il cammino per diventare genitore adottivo è complesso e impegnativo, sia dal punto di vista giuridico sia dal punto di vista psicologico.

L’adozione è una grande risorsa che può trasformare emozioni e vissuti negativi, generando nuovi significati e nuovi percorsi di vita. Tali processi partono però da un trauma e da una ferita doppia: quella della coppia che ha atteso a lungo un figlio naturale e quella del bambino che è stato abbandonato. Se, da una parte, è naturale che i genitori possano essersi costruiti una propria immagine del figlio che sarà affidato alle loro cure, dall’altra il bambino adottato, portatore di una propria storia, avrà necessariamente memorie, anche inconsapevoli, e stili di attaccamento che potrebbero generare comportamenti oppositivi, difensivi o addirittura aggressivi.

 Il percorso adottivo appare quindi caratterizzato da variabili tali da poter richiedere l’accompagnamento da parte di esperti, anche quando i servizi territoriali o gli enti per l’adozione internazionale hanno assolto i propri compiti di sostegno e monitoraggio.

La sofferenza legata alla famiglia adottiva può avere a che fare sia con i difficili vissuti relativi agli accadimenti prima dell’arrivo del bimbo nel nuovo nucleo sia con la costruzione faticosa di nuovi legami.

Servizi Offerti:

Il lavoro di sostegno terapeutico è rivolto a tutti gli attori dell’adozione e si attua attraverso incontri, individuali o di gruppo, che tengano sempre presente il sistema famiglia e le sue dinamiche.

  • Il sostegno ai genitori adottivi ha l’obiettivo di aumentare il loro senso di sicurezza affinché essi possano affrontare ogni tappa dell’adozione senza sentirsi soli. Imparare a conoscere a fondo il sistema dell’attaccamento potrà essere utile alla coppia a comprendere meglio il proprio bambino e a poter essere per lui un riferimento sicuro.
  • L’aiuto dato ai bambini adottati è volto a ripercorrere la strada della loro storia e a sostenerli nell’elaborazione del dolore. Lo spazio terapeutico sarà uno campo relazionale dove poter percepire emozioni vecchie e nuove, apprendere a dare ad esse un nome, imparare a riconoscerle e a regolarle. La terapia è orientata all’integrazione e al consolidamento dell’identità affinché il bimbo possa entrare nel sistema famigliare e riconoscersi come parte di esso, nella relazione con i genitori e nel nuovo contesto di vita. Un particolare lavoro di sostegno su queste dinamiche è rivolto alla fase dell’adolescenza con i suoi cambiamenti significativi, resi ulteriormente complessi dall’essere figli adottivi (vedi anche Disturbi dell’età evolutiva).
  • I percorsi di sostegno possono inoltre essere rivolti anche all’adottato adulto alla ricerca di un senso nella propria storia di vita e che può ancora soffrire per i traumi (vedi anche  Disturbi Post-traumatici da Stress) subiti e non sufficientemente elaborati.
Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Close